Roma, 21 gennaio 2020 – Secondo le prime stime, oltre un miliardo di animali sarebbero morti negli incendi australiani che hanno bruciato più di 10 milioni di ettari di habitat naturali, ma la reale entità dei danni provocati dagli incendi è ancora difficile da definire. Il fuoco dei roghi ha distrutto molte aree protette e sta minacciando la biodiversità mondiale, data l’unicità della natura australiana.

Diverse specie già a rischio estinzione (quasi 100 stimate come minacciate dalla Iucn) stanno vivendo un vero dramma e anche gli animali che si sono messi in salvo potrebbero morire nelle prossime settimane per mancanza di rifugi e scarsità di cibo.

Cosa possiamo fare per contribuire al salvataggio di alcune delle vittime? Qui sotto trovate alcuni semplici modi per partecipare e allargare la catena della solidarietà.

Si può partecipare alla raccolta fondi online avviata dal Koala Hospital

Si può adottare a distanza un koala soccorso dal Koala Hospital

In questo link sotto trovate le associazioni locali che si possono supportare

Visita la pagina Facebook del Koala Hospital per vedere le foto di alcuni dei koala soccorsi e in cura

Attenzione: il sito del Koala Hospital sta avendo dei problemi in via di risoluzione. Se non riuscite a connettervi, riprovate. Grazie

| Se per i tuoi acquisti su Amazon entri da questo link sostieni YouAnimal.it  |

Pubblichiamo un articolo tratto da News.com.au, che rende l’idea dell’inferno che stanno vivendo gli animali selvatici vittime degli incendi.

Milioni di animali sono morti e altre centinaia di migliaia periranno nei prossimi giorni a causa degli incendi boschivi che terrorizzano il sud-est dell’Australia.

La fauna selvatica nativa e il bestiame agricolo sono tra i morti, con specie già in pericolo di estinzione.

L’estensione della carneficina potrebbe non essere mai nota.

“Gli incendi hanno ucciso milioni di animali: mammiferi, uccelli, rettili”, ha dichiarato il Ceo del Wildlife Victoria, Megan Davidson. E la minaccia non è finita. “In questa fase è in gran parte un lavoro di eutanasia, sia per il bestiame che per la fauna selvatica. Sono così gravemente ustionati che non c’è niente di meglio che si possa fare che porre fine alla loro sofferenza”.

Il professor Chris Dickman dell’Università di Sydney ha inizialmente affermato che gli incendi potrebbero aver ucciso quasi 500 milioni di animali da settembre, ma più tardi ha sottolineato che il vero bilancio era probabilmente molto più alto. “Questa cifra si riferisce solo allo stato del Nuovo Galles del Sud”, ha detto. “È probabile che molti degli animali colpiti siano stati uccisi direttamente dagli incendi, mentre altri soccombono in seguito a causa dell’esaurimento del cibo e delle risorse di ricovero e predazione da parte di gatti selvatici e volpi rosse. La stima include mammiferi, uccelli e rettili e non include insetti, pipistrelli o rane”.

Nei prossimi giorni altri animali moriranno di fame e stress da caldo mentre combattono per trovare cibo e riparo nel loro habitat decimato.

Il professor Davidson ha affermato che tutti possono aiutare gli animali, che non soffrono solo di incendi ma di anni di siccità.

COME I RESIDENTI NELLE AREE COLPITE DAGLI INCENDI POSSONO AIUTARE LA FAUNA

* Distribuisci contenitori d’acqua all’aperto, assicurandoti di gettare alcuni bastoncini e foglie in modo che gli insetti abbiano qualcosa a cui aggrapparsi

* I proprietari di piscine dovrebbero aggiungere “punti di salita” in modo che gli animali non affoghino

* I proprietari di alberi da frutto dovrebbero rimuovere le reti per condividere i loro prodotti

* Quando offri pellet e fieno, assicurati di distribuire il cibo in modo che le specie abbiano minori possibilità di essere colpite dai predatori

| Se per i tuoi acquisti su Amazon entri da questo link sostieni YouAnimal.it  |