Dopo lo tsunami del 2004, un piccolo orfano di ippopotamo è stato trovato incagliato su una barriera corallina al largo della costa del Kenya. E’ stato recuperato e portato ad Haller Park, un rifugio-santuario di fauna selvatica a Mombasa, ma non poteva stare con gli altri ippopotami perché i maschi più anziani avrebbero potuto vederlo come una minaccia e fargli del male.

Quindi il piccolo ippopotamo, di nome Owen, è stato portato da una tartaruga gigante di 130 anni, Mzee. Owen era alla disperata ricerca di una figura materna e l’ha subito trovata in lei. Nei mesi seguenti i due sono diventati inseparabili. Si rannicchiavano vicini, giocavano e cercavano persino di comunicare tra di loro. E, se gli ippopotami sono noti per essere animali socievoli, lo stesso non vale certo per le tartarughe.

(Roberta Diglio)

owen_and_mzee

owen-mzee-sleeping-sm

Il giovane Owen cresceva e i due sono stati separati nel 2007. Una giovane femmina di ippopotamo di nome Cleo è diventata la nuova compagna di Owen. Mzee, invece, è stata presentata a un’altra tartaruga di nome Toto. Tutti gli animali stanno bene e sono felici con i loro nuovi amici.