I pipistrelli sono mammiferi molto delicati e protetti dalla legge e, per questo motivo, se ne avete trovato uno, è consigliabile contattare il prima possibile un centro recupero fauna selvatica.

In attesa di trasportare il pipistrello al personale competente, ecco qualche semplice accorgimento da seguire.

Innanzitutto toccatelo con delicatezza, magari usando un panno o dei guanti, stando attenti a non prenderlo mai per le ali. Usate solo le mani ed evitate assolutamente alcun tipo di attrezzo (pinze od oggetti appuntiti).

Mettete l’animale in una scatola di cartone dove avrete praticato dei forellini per l’areazione e coprite il fondo con della carta assorbente. Non usate mai una gabbia per uccelli. Ricordate un piccolo contenitore per l’acqua (un tappo rovesciato di una bottiglia andrà bene) e posizionate la scatola in un luogo silenzioso, appoggiandola per metà su una borsa dell’acqua calda, di modo da permettere al piccolo ospite di scegliere la temperatura che più preferisce.

Non date al pipistrello alcun cibo di vostra iniziativa: il massimo che potrete fare è somministrargli qualche goccia d’acqua con una siringa senz’ago. Inoltre, una pagina web da leggere subito è questa.

Clicca QUI per leggere e scaricare la guida al primo soccorso chirotteri del Gruppo italiano ricerca chirotteri 

Leggi anche:

Il primo allattamento di un pipistrello

Pipistrello in casa? Ecco come farlo uscire

Adotta un pipistrello con una BatBox. Istruzioni per l’installazione