Con sentenza n. 51483 del 20 dicembre 2019 la Corte di Cassazione, Sezione I Penale, ha condannato un cacciatore che, durante una battuta di caccia al cinghiale, ha sparato da una distanza di 30 metri verso una pista ciclabile, in prossimità di un centro ippico, luoghi frequentati da diverse persone.

| Se per i tuoi acquisti su Amazon entri da questo link sostieni YouAnimal.it  |

La Suprema Corte ha ribadito che la violazione del divieto di sparare a distanza inferiore a 150 metri in direzione di fabbricati destinati ad abitazione integra il reato previsto dall’articolo 703 del codice penale (“Accensione ed esplosioni pericolose”).

L’applicabilità delle sole sanzioni amministrative è infatti subordinata alla clausola che “il fatto non sia previsto dalla legge come reato”, che nella caso di specie ricorre, rilevando la contravvenzione di cui all’art. 703 del codice penale.

Fonte: Lac Liguria

| Se per i tuoi acquisti su Amazon entri da questo link sostieni YouAnimal.it  |