Progetto Quasi è un’associazione che si occupa del recupero, della cura e dell’adozione di cani abbandonati e maltrattati, con un occhio di riguardo per cani disabili e anziani.

Prende il suo nome da Quasi e dalla sua storia, che è stata d’ispirazione. Quasi ha una rarissima malformazione genetica detta “del cane babuino a spina corta”, per il tipico modo in cui questi cani si siedono. La piccola Quasi soffre così di una grave scoliosi con due gobbe, ha il bacino storto, le zampe (piatte) anteriori più corte delle posteriori e la posteriore destra più corta della sinistra. Le sue vertebre cervicali sono fuse, non può muovere il collo in nessuna direzione e ha un piccolissimo moncherino di coda.

Le volontarie raccontano: “Il Progetto Quasi è nato inizialmente per pagare i due interventi chirurgici che Quasi ha dovuto subire a causa di una lussazione congenita della rotula: abbiamo venduto delle magliette e delle spille, ed ha funzionato. L’idea quindi è stata: ‘se ha funzionato per lei, può funzionare anche per gli altri’… e la nostra avventura è nata così”.

Nel frattempo Quasi ha imparato a fidarsi di nuovo degli umani, perché nella sua vita di cane “diverso” ha avuto tante brutte esperienze. Adesso gioca felice ed è grata alla vita. Tutti dovremmo imparare da lei.

L’associazione promuove anche il progetto “Adotta un mini anziano“, per i cani anziani di taglia piccola, quelli che soffrono di più la vita in canile, e il progetto “Casa Famiglia” che ha di recente compiuto due anni.

L’idea della Casa Famiglia nasce dall’incontro di Fabiana Rosa, presidente dell’associazione e terapista per bambini, con una mamma sola con un bambino disabile, all’epoca in condizioni di difficoltà e disagio economico. Ha così preso forma l’idea di costruire un luogo familiare dove accogliere e curare i cani, e di dare modo alla mamma e al bimbo di poter vivere una vita più serena. Ora la Casa Famiglia ospita 4-5 cani alla volta (normalmente almeno un cane disabile, un cane anziano e due ex randagi) che vivono liberi, nutriti, curati e rieducati ad una vita “in famiglia” prima dell’adozione.

Per donazioni:
Associazione Progetto Quasi
Banco di Credito Cooperativo di Roma
IT15S0832774420000000100398

oppure Paypal: progettoquasi@libero.it

→ Visitate anche il sito web di Progetto Quasi e la sua pagina Facebook

(Roberta Diglio)

progetto quasi