C’è un nuovo arrivo in casa: un cucciolo d’uomo. Come reagirà il nostro familiare a quattro zampe? Ecco qualche piccola regola da osservare per una serena convivenza.

Innanzitutto dobbiamo prendere atto che quello che noi consideriamo un “lieto evento” per cani e gatti può essere è uno stravolgimento nelle sue abitudini. Arriva il  bebè che, oltre ad essere un nuovo elemento nel branco, porta un carico di odori mai sentiti: oltre al suo, in quanto umano, creme, oli, pannolini: un nuovo universo olfattivo per il nostro amico a quattro zampe. Per non parlare di nuovi orari, le regole da seguire e il carico sonoro dovuto a vocalizzi,, pianti e gridolini. Tutto ciò va a “oscurare” quello che fino a quel momento era il mondo conosciuto.

Se nei primi mesi di vita del neonato l’interazione con Fido e Mao sarà piuttosto limitata, con l’andar del tempo il bambino inizierà la sua scoperta del mondo e il pet di casa diventerà bersaglio della sua attenzione. Attenzione dunque perché, se il bimbo non esiterà dal voler assaggiare zampe ed orecchie del cane, come anche a pappa e la ciotola dell’acqua, per quest’ultimo il muoversi inesperto ed improvviso del bimbo potrebbe tramutarsi in un pericolo. Dal punto di vista psicologico, inoltre, è bene non far mancare mai le attenzioni affettuose al nostro cane o gatto e di fare in modio che il piccolo bipede non lo stressi. 

Adottare un cane dopo l’arrivo del bebè è una scelta sana: i pet sono importantissimi per la crescita e l’apprendimento del bambino ed un compagno amorevole e dotato di un buon carattere, stimolante e capace di accrescere nel bambino il senso di responsabilità e sicurezza, può diventare di sicuro il migliore amico del bimbo. Quando scegliamo un cane sapendo che andrà ad accompagnarsi a dei bambini sarà importante valutare il carattere.

Il consiglio è di affidarsi ai consigli dei volontari dei rifugi dove tanti trovatelli aspettano una famiglia ma, se proprio non potete fare a meno di un cane con pedigree, vi sono delle particolari razze che per indole docile e capacità di sopportazione risultano essere maggiormente adatte ad accompagnarsi alla crescita dei bimbi: labrador e golden retriever sono pazienti compagni di giochi, come anche i boxer ed i border collie dall’indole mite ma giocosa risultano essere degli ottimi amici per i nostri bambini in fase di crescita, quando corse e giochi all’aria aperta renderanno i due compagni inseparabili.

(Valeria Giovanelli)

animali e bambini

animali e bambini