Tutte le corride in programma in Spagna nel mese di marzo sono state cancellate. Valencia, Castellón, Madrid, Siviglia, Murcia, Arnedo… Sono già cinquanta le corride annullate a causa dell’epidemia del nuovo coronavirus. Salvi, per il momento, circa trecento tori. La notizia arriva dall’associazione AnimaNaturalis, che chiede al Governo spagnolo l’immediata sospensione di tutte le corride in tutto il Paese e che l’industria della corrida non riceva aiuti compensativi per questa interruzione. L’associazione invita tutti a partecipare a questa petizione online per chiedere che tali fondi non siano concessi.

| Sostieni YouAnimal.it entrando su Amazon da questo link . Grazie!  |

“Il settore della corrida è devastato: fiere sospese, migliaia di biglietti per il ritorno, San Isidro in aria”, si legge nel sito di AnimaNaturalis. “Come gli eventi sportivi e le scuole, l’arena è considerata un luogo di rischio di contagio”.

Ma il settore che lucra sulla corrida ha iniziato a reagire. “Il ministro della Cultura, José Manuel Rodríguez Uribe , ha concordato di tenere un incontro di emergenza con la Fondazione Toro di Lidia per ‘essere in grado di studiare la possibilità di avviare piani di emergenza, recupero e supporto per l’industria’Non lo permetteremo!”, aggiunge l’associazione, che lancia una petizione per impedire che siano concessi sussidi al settore come risarcimento.”Usiamo l’occasione per sradicare gli abusi sugli animali una volta per tutte. Invia la nostra lettera di protesta al Ministro della Cultura affinché non assegni un solo euro dalle casse pubbliche per aiutare finanziariamente il settore della corrida“.

| Sostieni YouAnimal.it entrando su Amazon da questo link . Grazie!  |