Roma, 20.3.20 – Il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha dichiarato ieri: “Ci giunge la segnalazione di abbandono di animali domestici, in particolare di cani, ma in nessun modo esiste ed è stata dimostrata la possibilità di diffusione di contagio tra gli animali e le persone. L’abbandono di animali domestici è assolutamente deprecabile”.

| Sostieni YouAnimal.it entrando su Amazon da questo link . Grazie!  |

Per contro, nei giorni scorsi  all’Adnkronos Salute Marco Melosi, presidente dell’Associazione medici veterinari italiani (Anmvi) aveva bollato come falsa la notizia dell’aumento degli abbandoni : “Smentisco ufficialmente che gli abbandoni di cani siano in aumento in Italia. Abbiamo avuto contatti con vari canili e non risultano ingressi in surplus in questo momento, come invece ho letto recentemente. D’altro canto, le informazioni che abbiamo a disposizione ad oggi confermano che questi animali non comportano alcun rischio di contagio da Covid-19. Dico di più: in questi giorni di isolamento i nostri amici animali stanno mostrando quanto è importante il loro ruolo all’interno delle famiglie italiane. Molti anziani sarebbero stati completamente da soli nelle loro case, invece hanno la compagnia dei loro animali e gli è anche consentito portarli brevemente a spasso”.

Ma cosa accade se si ha bisogno di assistenza veterinaria? “Si può andare dal veterinario”, ribadisce il presidente Anmvi, “i nostri colleghi sono in grado di fornire assistenza su tutto il territorio italiano. Ovviamente alcune strutture hanno preferito chiudere, ma la maggioranza è aperta e tutte comunque sono disponibili per le urgenze. Le indicazioni che diamo sono: telefonare prima di recarsi in ambulatorio, per consentire al veterinario di stabilire se si tratta di una priorità o meno, e per organizzare l’afflusso razionale all’interno delle strutture, con appuntamenti precisi che garantiscano sale d’aspetto con una persona alla volta”.

“La maggior parte delle strutture”, prosegue il presidente Melosi, “si sono organizzate in modo tale che il proprietario accompagni l’animale, lo consegni ai medici e poi lo attenda in sala d’attesa. Si procede con la visita e poi si riconsegna l’animale al proprietario. Nei casi in cui questo non è possibile, molte strutture hanno dedicato alle visite uno spazio che poi viene sanificato volta per volta, per la sicurezza per chi lavora negli ambulatori e anche dei proprietari. Abbiamo ovunque dispenser con prodotti per la sanificazione delle mani, guanti e mascherine a disposizione per chi deve entrare. Sono quindi messe in opera tutte quelle accortezze necessarie a ridurre al minimo rischio di contatti in un ambiente chiuso”.

| Sostieni YouAnimal.it entrando su Amazon da questo link . Grazie!  |